@ ph. Matteo Marioli

Abbinamenti non convenzionali

“Amico portati via quello che vuoi, affonda il tuo sguardo negli angoli,
e se vuoi ti darò tutta l’anima coi suoi bianchi viali e le sue canzoni”
Pablo Neruda

 

Una rumorosa tavolata anima la piazza con battute e risate, una famiglia di turisti tedeschi osserva divertita la “Dolce Vita” italiana e qualche coppietta cerca tepore sotto le rosse coperte messe a disposizione sulle sedie.

Birra e zafferano @ ph. Erika Goffi

È un’ordinaria serata infrasettimanale di fine ottobre, l’aria è pungente, ma in Piazza Mercato l’atmosfera che si respira è davvero frizzante e ci si dimentica della punta del naso che si sta pian piano cristallizzando. Sono a Brescia eppure chiudendo gli occhi per un momento mi è sembrato di essere seduta in un vecchio bistrot fracese, luoghi famosi d’incontro, crocevia di anime, viaggi, sapori e contrasti. A ricreare quest’atmosfera è Les Copains d’abord piccolo ristorante nel cuore di Brescia. Dal 2015 un vero e proprio angolo di Francia a casa nostra.
Confesso che, se non avessi conosciuto Francesca e Gianluca prima di stasera, probabilmente non sarei mai arrivata a questo locale e di questo me ne sarei molto dispiaciuta, data la mia naturale propensione per tutto ciò che rappresenta un mix di culture. Le contaminazioni dal mondo francese sono chiare e volutamente evidenti.
Ma al di là della proposta enogastronomica ed il desiderio di (ri)assaggiare una gallette (non posso nascondere di essere una grande fan della famiglia “crêpes & co”) il motivo che mi ha spinto qui è il crescente interesse nei confronti della birra di Francesca e Gianluca, che hanno mosso il loro primi passi nella cultura birraria grazie ad un mio corso di avvicinamento a questa affascinante bevanda. I due soci hanno infatti colto l’importanza che riveste la birra nella nostra società ed ancor più in un locale che strizza l’occhio ad un Paese, quale Francia, che produce interessanti prodotti, grazie anche all’influenza stilistica del vicino Belgio, la realtà che conta il più alto numero di stili birrari al mondo.

@ ph. Matteo Marioli

E così Les Copains d’abord oggi è un locale per bere birra artigianale e di qualità assaggiando cose nuove, magari provando gli abbinamenti grazie anche a serate a tema che vedranno la Sacra Bevanda affiancarsi ai loro piatti.
L’offerta per il momento conta una piccola selezione di produttori artigianali bresciani, ma l’intento è quello che ampliare la carta delle birre nel prossimo futuro, abbracciando un numero di stili e produttori maggiori.

LA DEGUSTAZIONE
Decido così di assaggiare qualche piatto e di abbinarci alcune delle birre presenti. Un abbinamento mi ha particolarmente colpito. Risotto zafferano e salsiccia con formaggio Comté stagionato 22 mesi abbinato ad una Golden Ale, PITOTA del birrificio camuno Balanders.

@ ph. Erika Goffi

La birra si presenta nel bicchiere con un’intensa tonalità dorata, buona opalescenza ed una schiuma bianco candido di media persistenza: è incredibile come talvolta veniamo attratti da piatti e birre che sono, banalmente, cromaticamente simili, ma che si rivelano poi all’assaggio estremamente in armonia fra loro.All’analisi olfattiva si colgono le leggere note speziate del lievito e qualche nota agrumata: sentori delicati che non vanno a coprire o appesantire il piatto che ha di per sé un importante valore aromatico. Il piatto si presenta con un mix di sapori più o meno forti: il gusto deciso della salsiccia, il sapore dello zafferano che ben si sposa con le note aromatiche della birra e la parte lattica, grassa del formaggio francese che viene sostenuta dal corpo light-medium della birra. Interessante l’evoluzione olfattiva della birra che vira in un secondo momento su note più floreali che vanno gradevolmente a braccetto con lo zafferano del risotto.

 

La degustazione @ ph. Erika Goffi

 

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email